Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata, o PEC, è stata introdotta in Italia con il D.L. n° 185 del 29/11/2008 poi convertito in Legge n° 2 del 28/01/2009. Tale legge stabilisce l’obbligatorietà di una casella PEC per tutti i professionisti e le aziende Italiane:
• dal 29 novembre 2008 è necessaria una casella PEC per poter ottenere una partita IVA od aprire una nuova società
• i liberi professionisti hanno avuto un anno di tempo per adeguarsi, sono quindi tenuti ad avere una casella PEC a partire dal 29 novembre 2009
• le società hanno tre anni di tempo per adeguarsi e saranno tenuti ad avere una casella PEC a partire dal 29 novembre 2011


Che cos’è
La PEC è un sistema di posta elettronica usando il quale il mittente riceve, sempre per via elettronica, una ricevuta a valor legale dell'invio e consegna di documenti informatici. Tale ricevuta può essere utilizzata per documentare legalmente sia il contenuto che il momento (data e ora) di invio di un messaggio PEC.
La Posta Elettronica Certificata può essere utilizzata da chiunque, compresi i soggetti privati, una volta ottenuta una casella PEC da un gestore accreditato.

Come si usa
Le caselle PEC si utilizzano come qualsiasi altro account email, tramite un client di posta elettronica (Apple Mail, Eudora, Lotus Notes, Microsoft Outlook, Mozilla Thunderbird, Novel Evolution, etc...), webmail (accesso via web browser), eccetera. Quando si invia un messaggio ad un destinatario PEC, si otterrà innanzitutto una ricevuta dell'invio messaggio (dal proprio gestore PEC), ed in seguito una ricevuta di consegna (o di errore) da parte del gestore PEC del destinatario.
Da una casella PEC è possibile inviare posta anche ad una normale casella email (non PEC), ma tale messaggio non darà origine a ricevute e non sarà considerato "certificato", in altre parole sarà un normalissimo messaggio email. Su una casella PEC non è possibile ricevere messaggi da caselle non PEC. Inoltre, inviando posta da una casella PEC non è possibile utilizzare i campi BCC / CCn per inviare copie "nascoste".
In caso di smarrimento di una ricevuta PEC, è possibile richiederne copia al gestore entro 30 mesi dall'invio del messaggio.